SABATO 14 DICEMBRE 2013

Circolo dei soci

Centro congressi unione industriale

 

Sabato 14 dicembre 2013 dalle ore 18 alle ore 20 a Torino presso il Circolo Soci, Via Vela 15, del Centro Congressi Unione Industriale si svolgerà

È-vento di poesia: luci e ombre mitomoderniste. 

Poeti da tutta Italia si troveranno per invocare simbolicamente la Luce in nome dell'anima e della poesia, ribelli a ogni condizionamento nichilista e anti-sapienziale.  

L’evento è organizzato da Chicca Morone e Massimo Maggiari per conto dell’Associazione Culturale Il Mondo delle Idee e del College di Charleston. 

Alle 18.00 nel giardino dell’Unione Industriale i poeti parteciperanno a un gesto rituale in onore di Santa Lucia, martire cristiana e protettrice della vista (oltre la vista) nella luce: insieme a loro un cerchio di donne canterà mantra evocativi per portare chiarezza nelle menti non solo dei partecipanti.

Subito dopo, accompagnati dal concerto in 3 atti di Vincenzo Zitello, il più grande interprete vivente dell’arpa celtica, i poeti si raduneranno per un reading individuale sui temi del mito, della bellezza e del rinnovamento spirituale del linguaggio.

Interventi di Giuseppe Conte, Tomaso Kémeny, Gabriella Cinti, Lia Cucconi,  Donato Di Poce, Simonetta Longo, Beppe Mariano, Amos Mattio, Paola Pennecchi, Fabio Prestifilippo, Luigi Scala, Silvia Venuti, Massimo Maggiari e Chicca Morone.  

Ospiti: Anna Antolisei, scrittrice;  Antonio Attini, fotografo; Flaminio Di Biagi, italianista; Vincenzo Zitello, musicista.

L’intento è di ristabilire il primato della poesia, esaltarne la funzione eroica e rigeneratrice, dare un segnale di riscossa, di rinascita.

  

Chicca Morone cell. 335/6136369

Stella Mongioi cell. 335/8215134 

 


 

venerdì 15 NOVEMBRE 2013 - ore 20.30

Psiche - via Belfiore, 61 

 

Antiche tradizioni musicali e spiritualità di Alessandro Cucurnia

ed. Agorà & Co

 

 

Saggio introduttivo sull’importanza del corretto ascolto della musica come strumento di connessione

tra cielo e terra, conscio e inconscio.

Verranno eseguite improvvisazioni con flauto, arpa e crystal bowls.

 

 

Alessandro Arturo Cucurnia è nato a Pietrasanta, in provincia di Lucca, nel 1985.

Laureato in Musica presso la facoltà di Lettere e Filosofia di Pisa, è attualmente musicista di professione, compositore, cantautore, polistrumentista e fonico.

 

Fondatore del gruppo folk iniziatico “Antiqua Lunae”, da anni si dedica allo studio di culture arcaiche e tradizioni spirituali, sia d'Oriente che d'Occidente, dai culti matrilineari al paganesimo celtico, dalla tradizione ermetica a quella buddhista e così via. Ha recentemente pubblicato per Agorà&Co il libro "Musica e Sapienza, antiche tradizioni musicali e spiritualità".

 

Attualmente si esibisce in tutta Italia e all'estero con numerosi progetti musicali, in variegati ambienti culturali che comprendono musica cantautorale (Antiqua Lunae), musica medievale (con il gruppo di musici In Vino Verias), musica classica indiana (con Daniele Dubbini), teatro di strada (con la compagnia di trampolieri Nouvelle Lune) e molto altro ancora. Molto importante per lui è la costante e multiforme collaborazione con Angelo Tonelli, tra i massimi traduttori dei greci antichi.

 

 


 

lunedì 25 NOVEMBRE ore 18

Centro Pannunzio v. Maria Vittoria, 35/h

 

“Versi per amore” di Roberto S. Moro   

Genesi Editrice

 

 

Raccolta di poesie dalla sottile trama malinconica e nello stesso tempo impregnate di vitalità e ironia.

Presentano Sandro Gros-Pietro e Chicca Morone.

Letture degli attori Maura Amalberti e Bruno Pennasso

quadri dell'artista Mariagrazia Ruggeri.


 

venerdì 13 DICEMBRE ore 18

Centro Pannunzio - via Maria Vittoria 35/h

 

 La torah in versi di Massimo Foa 

Accademia Vis Vitalis Editore

 

Raccolta dei primi cinque libri della Bibbia, il fondamento comune di tre grandi religioni,

riproposti in forma semplice, memorizzabile.

Intervista all’autore di Chicca Morone. I

ntroduce Anna Ricotti.  

 


 

CRISTALLI DI LUNA

Racconti di Chicca Morone

10 novembre 2014 ore 20.45

Teatro Astra (via Rosolino Pilo, 6 - Torino)

 

Sette racconti brevi - tratti da Il soffio della Luna - letti nell’atmosfera magica del Teatro Astra; il silenzio e il vuoto creato dalla sospensione della musica prodotta dall’arpa e dalle crystal bowls verrà riempito dalle voci degli attori nel buio della sala, dove solo una luce azzurra illuminerà il leggio: un rituale potente per permettere agli ascoltatori di entrare in quello stato meditativo adatto a percepire il significato più profondo della parola.

Ne La pizia viene toccato il tema della purezza nella voce; Il tempo ci racconta della difficoltà di amare senza condizioni, totalmente; Il califfo dà voce alle paure dell’uomo che viene travolto dai sentimenti; nei Fedeli d’amore il cavaliere impara a entrare in autentico contatto con la propria anima; la sensualità de Il gallo ci porta a vivere con i due sposi l’attimo di intimità più profonda; Evita narra l’incontro di misticismo e magia; Pesco in fiore conduce in un mondo di rituali giapponesi.

 

Atmosfere create da:

Angela Aielli, Giovanna Fiscella, Maria Alberta Navello, Bruno Pennasso

Vincenzo Zitello alle arpe

Chicca Morone alle crystal bowls